Incontro bambini e ragazzi

In questi anni, incontrando tanti bambini e ragazzi, ho imparato che a loro piace molto ascoltare le storie che scrivo e che interpreto. Sono curiosi e hanno tantissime domande da farmi ogni volta: sui motivi che portano a scrivere, sulla storia, sul perché un personaggio si comporta in un modo e non in un altro, per esempio.

Andare in libreria, in biblioteca o a scuola a parlare dei miei libri significa per me aiutarti a trattare i vari argomenti a cominciare da una storia. Vuol dire partire dalla lettura per esplorare il mondo. Il mondo reale e quello della scrittura. La dimensione sociale della realtà e quella emotiva.

L’incontro con l’autrice è una grande opportunità per i bambini perché possono intuire quanto sia profondo il mondo che c’è sotto un libro! Non a caso, per parlare dei libri con loro, uso l’immagine di un iceberg!

In un articolo di ottobre 2017 ti spiego in che cosa consiste l’incontro con l’autrice e in un altro perché può essere molto utile ai tuoi alunni. Ho preparato inoltre un breve video animato riassuntivo.

Buona lettura!

Lascia la tua traccia: scrivimi un commento. Grazie!

Potrebbero interessarti

question-mark-2123967_640
6 luglio 2017

Immigrazione e altri argomenti: perché parlarne con i bambini?

Come ogni estate, le informazioni che riguardano gli immigrati sono sempre più presenti nei telegiornali e nelle notizie che leggiamo. Le immagini di uomini, donne e bambini che provengono da altri Paesi e che arrivano in Italia entrano nelle nostre case quasi senza che ce ne accorgiamo. Entrano a...

Non mi piace leggere
8 giugno 2017

Non mi piace leggere

Non a tutti i bambini piace leggere. Forse non sarebbe nemmeno un problema. Se non si vivesse in una famiglia di lettori. O se la maestra non avesse dato il compito di andare nella biblioteca scolastica a cercare il proprio libro ideale. Questo è ciò che accade alla protagonista...

sprout-2218961_640
9 novembre 2017

Il valore dell’attesa

Ho scelto di dedicare questo mese di novembre al tema dell’attesa. L’ho fatto perché novembre, con le sue giornate corte e buie, è spesso vissuto aspettando il mese seguente quando, con i preparativi del Natale, ogni cosa sembra riacquistare colore e vitalità. Novembre è, a suo modo, un mese...