Lapbook per ghost stories

Ciao e bentornata qui!

Come ti avevo scritto settimana scorsa nella recensione di Il fantasma di Canterville, ecco oggi il lapbook dedicato a questo divertente romanzo.

Ho pensato di realizzare un breve video per farti vedere come risulta essere un lapbook sulle ghost stories.

Il mio riferimento è stato appunto il romanzo di Oscar Wilde, ma questo tipo di struttura si adatta benissimo a qualunque racconto di fantasmi.

Per realizzarlo ho seguito i template contenuti nel kit Amo leggere attivamente del Gruppo Editoriale Raffaello a cura di Flavia Franco.

Puoi vedere il video cliccando su questo link: lapbook per ghost stories.

Ti piace?

Io ho voluto personalizzare il lapbook facendo così:

  • ho utilizzato della carta scrap di stampa vintage per contestualizzare il racconto (ambientato nel XIX secolo);
  • ho usato un foglio di acetato per il vetro della lente di ingrandimento della copertina (oppure, come suggerisce la guida, puoi usare della carta trasparente o del cellophane);
  • ho utilizzato del cartoncino scrap a righe per simulare la tappezzeria della “galleria dei quadri“.

Come potrai leggere, il kit contiene diversi materiali che stimolano l’apprendimento attraverso l’approccio ludico: oltre al fascicolo lapbook, infatti, ci sono anche la Tombola Fonologica e il percorso Coding.

Le proposte di lavoro per la realizzazione dei lapbook si trovano nella guida Amo leggere attivamente: questa fornisce sia preziose indicazioni operative sia molti spunti di riflessione sull’uso del lapbook come strumento didattico.

Nel fascicolo lapbook ci sono i template anche di altri generi letterari (la fiaba, il racconto d’avventura, il romanzo storico e la biografia) che si possono ritagliare o fotocopiare per la classe e sono praticamente pronti all’uso.

La guida Amo leggere attivamente contenuta nel kit offre poi suggerimenti per inventare altri racconti: ad es., tra gli altri, si possono utilizzare i “quadri come tasche che il bambino potrà riempire con la fantasia, inventando nuovi elementi che andranno a formare un serbatoio di idee-stimolo per nuove storie da raccontare“.

Realizzare lapbook in classe con questo kit diventa davvero molto semplice.

Prima di salutarti, voglio ricordarti che:

  1. puoi trovare le foto dei dettagli dei singoli “quadri” di questo lapbook sulla mia pagina Facebook;
  2. il prossimo appuntamento con la costruzione di un lapbook sarà per l’1 marzo in questa rubrica; settimana prossima, invece, sul blog, potrai trovare un articolo sui libri utili per la costruzione dei minibook all’interno dei lapbook;
  3. se vuoi rimanere aggiornata sulle novità o avere delle anticipazioni sulle attività che propongo, puoi iscriverti alla newsletter (box qui sotto) che arriverà ogni primo del mese (Quella di febbraio è appena partita, ma se ti iscrivi te la mando!). Ti aspetto!
Lascia la tua traccia: scrivimi un commento. Grazie!

Potrebbero interessarti

play-stone-1743645_640
28 Settembre 2017

Come formare gruppi in classe

Durante le attività didattiche, si presenta spesso la necessità di dividere la classe in gruppi. Il lavorare in gruppo è sicuramente una competenza che si acquisisce nel tempo esercitandola, ma è anche una capacità che si può sviluppare con attività finalizzate. La vita di classe può fare molto per...

Locandina Webinar 4 aprile
04 aprile 2019
{Evento terminato}

Webinar – Come costruire lapbook nella scuola dell’infanzia

In un’aula virtuale parleremo di un argomento molto reale: come costruire lapbook alla scuola dell’infanzia in modo da offrire ai bambini un’esperienza creativa di apprendimento? Tra elementi teorici ed esempi di template e minibook, ci saranno anche spunti operativi in base ai campi di esperienza.   P.S. aggiornamento: su Raffaello...

Incontrautrice
26 Ottobre 2017

Incontro con l’autrice: uno spot ti dice perché sì

Ciao e bentornata qui! Il post di oggi è l’ultimo del mese di ottobre e conclude – almeno per ora – il ciclo degli articoli dedicati all’incontro con l’autrice. All’inizio del mese avevo cominciato spiegando in che cosa consiste l’incontro con l’autrice e, la settimana seguente, avevo descritto quali sono...