9 Settembre 2020

Pronti, partenza, via!

... e un augurio speciale per alunne e alunni

Buon giorno, cara amica lettrice e ben ritrovata.

Mancano pochi pochissimi giorni alla riapertura delle scuole che tutti abbiamo tanto atteso.

Fra pochi giorni i corridoi torneranno a popolarsi di voci e sorrisi che, sebbene intuiti dietro le mascherine, riempiranno di nuovo l’aria di allegria. Gli occhi magari si inumidiranno abbracciando con lo sguardo chi non si può stringere tra le braccia.

La distanza ci sarà, certo, ma sarà più fisica che emotiva perché il desiderio comune di rivedersi e potersi guardare negli occhi troverà finalmente soddisfazione.

Abbiamo aspettato questo momento per lunghi mesi, accompagnati da un repertorio quanto mai variegato di emozioni, dubbi e domande.

Le parole da dire potrebbero essere tante, le riflessioni che abbiamo fatto ancora più numerose, potremmo esprimere desideri e scambiarci auguri.

Oppure, semplicemente, vivere il momento e godere della gioia di ritrovarci.

Di nuovo.

Insieme.

Per un altro anno scolastico.

Che, dal profondo del cuore, desideriamo migliore per tutti.

FELICE NUOVO ANNO SCOLASTICO !

 

(…E, se poi, è in compagnia di tanti bei libri ancora meglio!!! 😉 )

P. S.: Se il video di buon anno scolastico ti è piaciuto, condividilo con i tuoi alunni: è un augurio …”d’autore”!

 

Lascia la tua traccia: scrivimi un commento. Grazie!

Potrebbero interessarti

05 aprile 2018
{Evento terminato}

Incontro con l’autrice

Incontro con alunni di scuola primaria – Classi terze, quarte e quinte

old-age-360714_640
13 Settembre 2018

Nonni e nipoti: quali libri leggere?

Ciao, cara amica lettrice, e ben tornata! Nella newsletter di settimana scorsa ti avevo scritto che questo mese l’attenzione delle letture sarebbe stata dedicata agli affetti e, in maniera specifica, ai nonni, dato che si sta avvicinando la ricorrenza del 2 Ottobre. Ho pensato a te… 🙂 Pubblico, infatti, oggi...

Il Milione
29 Giugno 2017

Il Milione

Il Milione nasce da un incontro fortunato fra due sfortunati detenuti del carcere di Genova: Marco Polo, che offrì la materia del romanzo, e Rustichello da Pisa, che prestò la penna e un po’ di invenzioni poetiche e fantastiche ai racconti del suo amico. Rustichello, infatti, era uno scrittore:...