31 Gennaio 2020

Cimpa – la parola misteriosa

Benvenuta alla prima recensione del 2020!

In questa sezione del sito trovi suggerimenti di letture e i motivi per cui ne scrivo: prenditi tutto il tempo che occorre per navigarla. Buona permanenza!

Oggi, nello specifico, trattiamo dell’albo illustrato*: Cimpa – La parola misteriosa dell’autrice e illustratrice Catarina Sobral, La Nuova Frontiera Junior, Roma, 2014.

Pagine 40 – Formato 24 x 32 – Edizione in lingua originale: portoghese (2012).

Hai visto il book trailer?

Cosa succede? – ovvero la TRAMA

Un giorno, uno studioso trovò in un vecchio dizionario una parola che non era più stata usata da parecchio tempo: Cimpa. Nessuno era in grado di dire che cosa significasse, né a quale categoria grammaticale appartenesse. Gli esperti erano in disaccordo gli uni con gli altri: c’era chi supponeva si trattasse di un verbo, chi di un nome, o forse era un aggettivo?

La categoria grammaticale cui presumibilmente poteva appartenere sembrava destinata a cambiare di continuo nel caos e nell’incertezza generale perché ognuno aveva iniziato a usare la parola cimpa come e quando gli pareva.

Lo studioso che l’aveva scoperta, vedendo come stavano andando le cose, decise allora di approfondire le ricerche e fece un’importante rivelazione: la categoria grammaticale di cimpa non era un determinante, come si era creduto fino ad allora, bensì un …perlinco!

Il mistero sembrava risolto.

A quel punto, rimaneva solo una piccola questione da chiarire: cos’era un perlinco???

 

Occhio alle illustrazioni!

ovvero QUATTRO INFORMAZIONI e QUATTRO PROPOSTE di attività per EDUCARE LO SGUARDO

Essendo un albo illustrato, immagini e testo formano un corpus unico in cui le prime valorizzano e completano il secondo.

L’analisi iconica dell’opera è stata svolta in collaborazione con la prof.ssa di arte Aurora Piotto, che ringrazio ancora per la disponibilità.

È utile osservare, in particolar modo, che l’illustratrice ha uno stile originale e inconfondibile:

1) Le illustrazioni, che rimandano al modo di disegnare e colorare dei bambini della scuola primaria, consistono in disegni realizzati dall’autrice utilizzando una tecnica mista: pastelli a cera, colori ad olio e grafite su carta a grana ruvida. I contrasti cromatici sono sfumati dall’uso di sfondi chiari.

Il tratto è eterogeneo: si passa infatti da quello più marcato di certe linee (es. i rami degli alberi) a quello più fine di alcuni dettagli (es. il musetto del topolino nella sala di registrazione radio).

Tutte le illustrazioni meritano di essere osservate attentamente per la ricchezza di particolari, a volte buffi, che conferiscono alla storia anche una vena ironica e amplificano la forza del testo.

La scelta della tavolozza di colori è limitata e l’illustratrice esplora con il segno e il colore uno spazio dove trame e motivi si intrecciano creando immagini piene e bidimensionali.

Una caratteristica stilistica di Catarina Sobral è che nelle sue tavole domina la totale assenza di profondità e l’equilibrio tra i vari spazi nella composizione dell’immagine venga gestito dalle campiture e dagli accostamenti cromatrici.

>> PROPOSTA OPERATIVA: Fai notare ai bambini le differenze tra il cappello rosso della signora con gli occhiali e il tronco dell’albero (pag. 10 – 11) oppure tra l’ombrello nero e l’interno dell’autobus (pag. 22 – 23): riesci a trovare altre differenze?

2) Nelle illustrazioni predominano il colore ecru, nelle varie tonalità, e i colori primari del giallo e del rosso in tonalità non consuete: l’illustratrice usa, infatti, il rosso carminio e il giallo ocra, colore dalle tonalità che variano dal giallo-oro al marrone chiaro. L’uso di questi colori è dosato e costante in tutte le pagine; gli stessi creano un’armonia cromatica grazie all’uso nella stessa pagina dei complementari che creano un equilibrio visivo.

Il nero è usato sia come colore di riempimento delle figure, sia – a tratto più leggero – per i contorni, i dettagli e le ombreggiature. Compaiono meno il verde (presente soprattutto nella seconda parte del libro) e le tinte fredde del blu e del viola, nelle loro diverse tonalità.

>> PROPOSTA OPERATIVA: Proponi di giocare a trovare quali sono i tre colori predominanti in alcune pagine scelte. Potreste registrarli poi su un semplice grafico con crocette alla lavagna per vedere i colori più usati. Avevate avuto la stessa impressione prima di registrarne la presenza?

3) Vi è talvolta, inoltre, un uso combinato del punto di vista nella stessa illustrazione: ad es., alcuni oggetti (o persone) sono rappresentati di fronte e parti dell’ambiente circostante dall’alto. Le illustrazioni richiamano il disegno dell’età evolutiva (es. nella rappresentazione della prospettiva di alcuni oggetti, come edifici, tavoli e auto).

>> PROPOSTA OPERATIVA: Proponi di osservare le auto di pag. 30 – 31: cosa noti?

4) Molti sono i dettagli che arricchiscono e completano le immagini se si osserva con attenzione: es., oltre al topolino cui si è accennato sopra, le sigle che identificano le posizioni di lettura nella biblioteca, le ombre delle persone che abitano nel palazzo oltre la strada, la persona che cerca il telecomando tra i cuscini del divano,…).

>> PROPOSTA OPERATIVA: proponi ai bambini di trovare altri cinque dettagli che non sono stati scritti qui.

Perché leggere “Cimpa – la parola misteriosa“?

– ovvero 5 buoni motivi per aprire il libro

  1. È una storia divertente e a tratti spassosa: ricorda certi giochi di parole che si ripetono all’infinito e quelle filastrocche senza fine simili a C’era una volta un re seduto sul sofà che disse alla sua serva.

  2. Ha pregevoli illustrazioni originali, come abbiamo visto sopra: nell’ottica di offrire ai bambini libri di qualità, questa lettura fa la sua parte …più che egregiamente!

  3. Aurora scrive che: Le illustrazioni sembrano uscire dalle pagine e terminare tra le mani del lettore tanto da avere la sensazione di essere all’interno del libro. Sono pienamente d’accordo!

  4. Stimola la fantasia: quante non-parole come Cimpa esistono nel nostro universo linguistico? A quale uso si presterebbero? Come le trovo? Le invento? Le domande-stimolo che posso pormi sono numerose.

  5. È un libro che offre più spunti di riflessione. Uno tra i tanti: ogni persona, a un certo punto, inizia a usare la parola cimpa come e quando gli pareva: cosa succederebbe se facessimo davvero così ed iniziassimo a chiamare un oggetto di uso comune, come una sedia o una forchetta ad esempio, ognuno a modo proprio? Estendendo l’ipotesi, e se facessimo così anche con una qualsiasi regola condivisa?  

 

Concludendo, spero di averti offerto con questo articolo suggerimenti e idee per leggere Cimpa – la parola misteriosa con curiosità e magari un occhio nuovo. Se, poi, desideri approfondire ulteriormente il discorso e cerchi spunti operativi da attuare in classe con i bambini, ti aspetto nella pagina Gli Speciali il 10 febbraio con un nuovo articolo ricco di proposte di attività. Ci sarai?

Grazie per aver letto e a presto.

 

*Fonte dei dati: Pagina dell’editore La Nuova Frontiera Junior
Lascia la tua traccia: scrivimi un commento. Grazie!

Potrebbero interessarti

Incontro Massarosa
5 Ottobre 2017

Incontro con l’autrice: ecco cosa faccio

Tra le attività che svolgo e di cui ti ho parlato nella pagina cosa faccio c’è quella di incontrare i miei giovani lettori nelle scuole. Spesso, quando mi contattano, gli insegnanti mi chiedo...

Libro alunni su Nina
12 Ottobre 2017

Incontro con l’autrice: ecco perché serve

Settimana scorsa ho approfondito in che cosa consiste l’incontro con l’autrice che propongo alle scuole che mi contattano. Ho spiegato come lo gestisco io in base ai messaggi che i miei...

BYBC firmato nero
17 Maggio 2018

La creatività, secondo me.

Ciao e bentornata. Scrivo qui oggi dopo un po’ di tempo e mi scuso con te per il mio silenzio delle ultime settimane. Nonostante io abbia cercato di pianificare al meglio anche le pubblicazi...